Il suono della Canne al Vento

Canne al vento è un romanzo. Canne al Vento è stato scritto da Grazia Deledda nel 1913.

Grazia Deledda, scrittrice sarda, con questo romanzo ci racconta un pezzo della sua isola e delle nostre radici.

La Sardegna, terra percorsa dalla natura e da antiche tradizioni. Sospesa tra il mistico e il profano. Diventa simbolo di tutta la nostra cultura.

Il protagonista del romanzo è il servo Efix, vecchio contadino e uomo dal passato misterioso, macchiato forse da un necessario delitto. Con accanto altri uomini e altre donne: le tre sorelle, di nero vestite ma a tratti percorse dalla folle gioia. Il giovane Giacinto, giocatore e perditempo, affannato e incolmabile. Don Predu e la ricchezza che si impone e regola, Lia che è fuggita ma è rimasta e su tutto la natura e la terra di Sardegna.

Una lotta per la vita, con la morte che incombe e sembra calmare e calmarsi.

Tutto si insegue e nulla permane. Antico nelle sensazioni tra il rumore e il suono delle canne al vento che portano lontano fin verso le immense foreste di bambù dove un tempo si sfidavano maestosi i samurai tra tigri e dragoni…

Giorgio Piumatti